L’amore vero

Anna Cherubini, scrittrice, autrice televisiva e sceneggiatrice di fiction italiane, con l’introduzione di Fabiola Bernardini.
La vita è divisa in due da una linea d’ombra. Nasciamo dal calore di un amore, se siamo fortunati cresciamo sostenuti dai genitori e da altri affetti, se lo siamo ancora di più, queste relazioni continuano a darci sicurezza anche nell’età adulta. Ma, prima o poi, arrivano i lutti, le certezze si polverizzano, i legami si sciolgono. E, da un giorno all’altro, passiamo dall’essere figli al non esserlo più, ci ritroviamo orfani al mondo, soli nell’universo. È successo anche alla Cherubini che, in un periodo relativamente breve, ha perso un fratello, poi la madre e infine il padre. Ha familiarizzato con la parola morte. E, messa spalle al muro da queste vicissitudini, ha avvertito fortissima l’esigenza di abbandonarsi ai ricordi. Ne è nato un memoir potente ed emozionante, che racconta di un padre funzionario del Vaticano, testardo e ruvido ma innamorato dell’arte e della lirica, di una madre che aveva le sue fragilità eppure era capace di sacrifici che oggi le donne non sanno più fare, di un fratello che voleva volare e purtroppo si è perso nel cielo, di un altro fratello, Lorenzo Cherubini in arte Jovanotti, che si perse a piazza San Pietro ma ora canta e salta negli stadi, delle anziane e particolari zie, della bellezza della musica e di quella di Roma. Da questo irresistibile flusso della memoria, che fa piangere e sorridere, ed è pieno di poesia, scaturisce un libro che si legge come un romanzo, una grande saga familiare e insieme una riflessione sul senso della vita.


Life is split in two by a shadow line. Sooner or later, everybody has to cross it. We are born from love; if we are lucky enough, we will grow up helped by parents and other beloved people, and if we are even more than lucky, in our adulthood these relationships will give us a sense of security. However, one day or another, the grief will come, the certainties will be destroyed and bondages will be broken. So, we won’t be children of somebody anymore, we will be just orphans, all alone in this world. This is what  Anna Cherubini has experienced: in a relatively short time, she firstly lost a brother, then a mother and, in the end, a father. She became familiar with the word “death”. Forced by these losses, she felt the strong need to remember. Her memories led to the creation of a powerful and moving memoir that tells the story of a stubborn and rough father who worked as Vatican official, a father that also loved the art and the opera; it speaks of mother with her many frailties, and yet capable of making sacrifices that women are no longer willing to make these days. It speaks of a brother who wished to fly and instead got lost in the sky; it tells about another brother who lost himself in Piazza San Pietro, a brother that now sings and jumps in the stadiums. Other characters of this memoir are two old and special aunts in the one hand; on the other hand, the beauty of music and Rome. From this irresistible and poetic stream of memories, which makes you cry and smile, came into life a book that can be read as a novel, a great family saga and a reflection on the meaning of life.

Anna Cherubini was born in Rome in 1969. She graduated in Italian Literature and in Scriptwriting at the Centro Sperimentale di Cinematografia. She is an author; she also works as TV author and screenwriter of Italian TV series. In 2005, she won the Premio Solina for the section Storie.

27 gennaio | Biblioteca Comunale

ore 17.00

Titolo: L’amore vero

Autrice: Anna Cherubini

Introduce: Fabiola Bernardini