mobile logo


featured image

Le mostre

posted on 2 Gennaio 2017 / IN Edizione 2017 / Festival Internazionale di Todi / Non solo cinema / 0 Comments

Il Festival Diritti a Todi è il luogo in cui si raccontano i temi legati ai diritti umani non solo attraverso il documentario sociale ma dando spazio alla creatività delle diverse forme d’arte. Le mostre verranno inaugurate il 25 gennaio, di seguito vengono riportati luoghi e orari.

5 Artisti che esprimono plasticamente, con la loro creatività, i temi dei diritti umani, a Todi; e sono:

  • il fotogiornalista Eligio Paoni, incaricato da importanti testate internazionali di immortalare dettagli di guerra, rischiando la vita perché sempre in prima linea;
  • il pittore Luigi Caflisch che attraverso la rappresentazione di angeli, ci regala segni di speranza, in questo momento storico, così carico di sofferenza;
  • lo scultore Antonio Buonfiglio che trae ispirazione dalla natura per le sue opere in metallo;
  • il pittore-filosofo Massimo Diosono che produce opere di cenere, sulle quali poter meditare;
  • il fotografo Emiliano Pinnizzotto che collabora con scuole fotografiche e magazines, che costruisce con l’immagine da rappresentare un rapporto emotivo, rispettando profondamente la naturalezza del momento.

Gli artisti sono, da sempre, grazie alla loro sensibilità e alla loro refrattarietà a cliché e a luoghi comuni, imposti dalla società, naturalmente legati alla difesa dei diritti umani. La loro arte è molto spesso immagine taumaturgica, che cerca di evidenziare e di spezzare le catene della sofferenza umana, immagini che lavorano sostituendosi, grazie alla loro poetica, a quello che la politica non riesce più a dare, raffigurando un modello di etica attraverso l’estetica. Sognano, intuiscono, prevedono: spesso la realtà si presenta loro come deja vú, sono così liberi da saper riportare alla luce le emozioni di altri mondi, di altre dimensioni; sono parte del tutto, sono più di quello che vedono e sanno.

Auro e Celso Ceccobelli – Curatori sezione Arte

LE MOSTRE

ELIGIO PAONI | FOTOGIORNALISTA

INAUGURAZIONE Sala delle Pietre – 25 gennaioore 12.00

BIO: Nato a Terracina (LT) nel 1957, scatta le sue prime fotografie nel 1980. Si è occupato principalmente di fotografia sociale, indagando su diverse problematiche della società contemporanea. Nel 1990 comincia la sua collaborazione con Contrasto e realizza reportage fotografici dei maggiori conflitti del mondo, tra cui l’ex Jugoslavia, Albania, Kosovo, Somalia, Afghanistan, Iraq e Israele.

Eligio-Weise

KABUL, AFTER THE WAR - KABUL, DOPO LA GUERRA

ANTONIO BUONFIGLIO | SCULTORE

INAUGURAZIONE: Piazza del Popolo – 25 gennaio, ore 12.00 |  UNU –  25 gennaio, ore 20.00;

BIO:  Antonio Buonfiglio è nato nel 1972 a Nocera Inferiore; dopo essersi formato agli studi artistici presso l’Istituto d’Arte di Salerno e l’Accademia di Belle Arti di Napoli si è trasferito a Francoforte, in Germania, dove ha lavorato come grafico dal 1992 al 1996.
Dal 1996 vive e lavora a Todi ed a Roma. Tra le tappe più significative degli ultimi anni si ricordano le collettive “Cantiere 39” a Todi, nel 2001, la collaborazione con gli artisti olandesi della galleria ARTS-PLACE di Amsterdam iniziata nel 2004, dove espone e con i quali, nell’anno successivo, organizza una mostra nella città di Todi patrocinata dall’Ambasciata dei Paesi Bassi .Nel 2004 la collettiva “I maestri e i giovani nel piccolo formato”, ancora a Todi, e nel 2007 la collettiva “Tre artisti a Roccafiore”, Todi. È del 2003 la prima mostra personale all’estero, ”Kunst im Kreisehaus”, a Nordhorn Germania; nello stesso anno gli viene commissionato dalla Azienda Perugina della Mobilità un complesso ed ambizioso monumento all’energia pulita dal titolo “Sintesi di equilibrio”, oggi esposto presso la stessa APM di Perugia.Nel 2004 le personali in Germania e in Olanda; Dello stesso anno è inoltre la personale di sculture nelle cisterne romane di Todi. Nel 2006 “Insideout”, mostra personale di sculture nella Necropoli di Crocifisso di tufo ad Orvieto e la personale di Roma presso la Biblioteca di Villa Mercede, durante la rassegna “Ateliers d’artista”. Nel 2007 espone in Palazzo della Corgna a Città Della Pieve. Dal 2002 collabora con gli artisti Bruno Ceccobelli e Beverly Pepper. Hanno scritto di lui: Hans Sizoo, Bruno Ceccobelli, Massimo Duranti, Massimo Mattioli, Marina Baruzzo, C.B. Pepper, Marco Alfano, Daniele Torcellini, Cristina Tafuri.

antonio-buonfiglio Antonio Buonfiglio

EMILIANO PINNIZZOTTO | FOTOGRAFO

INAUGURAZIONE: Sala del Consiglio -25 gennaio, ore 12.00

BIO: Nato a Roma nel 1983, figlio d’arte, mostra fin da piccolo una propensione ed una grande affinità con le immagini e le arti audiovisive, affascinato soprattutto dalla fotografia, dal cinema e dalla musica. Comincia a scattare le sue prime fotografie fin dai primi ricordi. Intorno ai 16 anni indirizza la sua passione fotografica verso il Reportage Sociale, grazie  soprattutto ai numerosi viaggi nel mondo intrapresi con i genitori. Gradualmente trova cosi un proprio stile, in evoluzione continua, grazie alla camaleonticità del suo linguaggio fotografico, legato soprattutto ai suoi differenti stati d’animo e caratterizzato dal ritratto in chiave sociale, ripreso in ambiente naturale, con l’utilizzo esclusivo della luce a disposizione, senza mai costruire o alterare il racconto o un’ immagine. Sia per il bianco e nero che per il colore applica nella postproduzione digitale delle sue foto, come modus operandi, esclusivamente le tecniche usate anche in camera oscura. E’ iscritto all’Ordine dei Giornalisti e da diversi anni collabora con la Scuola di Fotografia Graffiti e l’Agenzia Fotogiornalistica Graffiti Press di Roma.

emiliano-pinnizzottoAurelia, 88, vive sola ora per un tempo molto lungo, dal momento che i bambini sono andati a Lima in cerca di fortuna in Perù, Ancash, Chacas. Tra le montagne della Cordillera delle Ande, a 3500 metri sul livello del mare, ci sono persone che vivono in isolamento, molti più chilometri dal vicino di casa del villaggio ', che per diversi motivi si sono trovati da soli, indifesi, ammalati e dimenticato dal mondo.

MASSIMO DIOSONO | PITTORE-FILOSOFO

INAUGURAZIONE: Cripta di SS. Filippo e Giacomo – 25 gennaio, ore 11.00 | Sala delle Pietre 25 gennaio, alle ore 12:00 

BIO: nato a Perugia nel 1967, attualmente vive e lavora a Spello (PG). Si è diplomato all’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia nella sezione Pittura. Vincitore della borsa di studio “ A. Maribelli “, presso l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”, in data 20 novembre 1986.  Vincitore del premio internazionale di pittura “Limen Art” nel 2009. L’impermanenza e il confronto filosofico oriente-occidente, unito ad una rigorosa ricerca su linguaggio e materiali, traccia le coordinate attuali del suo lavoro. Dalla fine degli anni novanta espone in numerose mostre collettive e personali in Italia e all’estero, tra le quali “Ignes Duo”  Luca Laurini Massimo Diosono presso il Loft Sėvignė a Parigi nel 2009  e la collettiva “Tower of Babel” presso Schema Projects Gallery, Brooklyn a New York City. E’ presente in collezioni pubbliche e private sia in Italia che all’estero.

massimo- diosono mostre Diritti a todi

 

 

 

 

 

 

 

 

LUIGI CAFLISCH | PITTORE

INAUGURAZIONE: SS. Filippo e Giacomo – 25 gennaio, ore 11.00

BIO: Nasce a Forlì, nel 1961 padre svizzero, madre italiana. Ha cominciato col disegno e la pittura da ragazzo a Catania. A Roma ha intrapreso gli studi di pittura dal 1981 al 1985 all’Accademia di Belle Arti , classe Avenali e Di Coste, e conseguendo il diploma nel 1985, e a Dùsseldorf, classe Graubner (semestre 85-86). Nell’ 87 ha frequentato i corsi della Calcografia Nazionale di Roma. Ha inoltre studiato storia dell’arte alla facoltà di lettere dell’Università “La Sapienza” e nel 1992 si è laureato con una tesi in storia dell’arte contemporanea su N. de Stael, relatrice la prof. M. Volpi. La prima mostra personale la  tiene a Roma, al Centro di Sarro, nel 1987.  Ha esposto in Italia , Svizzera, Germania, Corea del Sud , Cina e  Stati Uniti. Vincitore del Premio dell’Accademia di San Luca 1988. Abita a Roma, ha lo studio ad Anticoli Corrado,  un paese del Lazio. Del suo lavoro hanno scritto: Federica di Castro, Antonella Sbrilli, Mariano Apa, Mario Bertin, d. Massimo Camisasca , Giuseppe Cannilla, Dalmazio Ambrosioni , Hans Christoph Von Tavel, Paolo Bertoletti, Antonia Inlander,  Marco Occhigrossi,  Romano Eggenschwieler, Loredana Finicelli, Antonio Benemia,Carlo Fabrizio Carli, Ruggero Savinio e Silvia Guidi.

luigi-caflish-pittoreun mondo senza spigoli, mostre diritti a Todi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

By agostino

Tagged With