mobile logo


featured image

La Giuria Cortometraggi

Nei precedenti articoli abbiamo presentato qui la giuria dei lungometraggi e qui la giuria della stampa, terminiamo la presentazione delle giurie del Diritti a Todi Human Rights International Film Festival con la giuria dei cortometraggi che sarà chiamata a valutare i 13 cortometraggi in concorso tra cui un’anteprima mondiale, un’anteprima europea e un’anteprima italiana.

CAMILLA FILIPPI | Presidente

Debutta in televisione nel 1998 nella miniserie Costanza di Gianluigi Calderone con Monica Guerritore e  Ricky Tognazzi, partecipa ad altre serie tv ed entra nel cast della miniserie Compagni di scuola (2001). Dopo aver interpretato il ruolo di Sara Carati in La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana, arricchisce il suo curriculum con titoli come: Ora o mai più (2003); La vita che vorrei (2004) e Amatemi (2005). Nel 2005, porta a teatro “La forma delle cose” di Neil LaBute con la regia di Marcello Cotugno, poi torna al piccolo schermo con De Gasperi, l’uomo della speranza (2005) di Liliana Cavani, Le ragazze di San Frediano (2007) e La scelta di Laura (2009). A seguire, negli ultimi anni, la si trova tra l’altro nel film La vita facile, di Lucio Pellegrini e Il giorno in più, di Massimo Venier. Lavora con Massimiliano Bruno in Viva l’Italia (2012), L’amore imperfetto di Francesca Muci con Anna Foglietta, In fondo al Bosco di Stefano Lodovichi con Filippo Nigro (2016), i suoi ultimi successi televisivi sono Una villa per due, regia di Fabrizio Costa (2013), Ragion di Stato, regia di Marco Pontecorvo – miniserie Tv (2015) e Tutto può succedere – serie TV (2015 – 2016).

ESTHER ELISHA 

Attrice italobeninese ha intrapreso la strada della recitazione cominciando dal teatro, passando per la televisione e il cinema (preferibilmente indipendente). Il film di cui è la protagonista femminile, Là–bas, per la regia di Guido Lombardi è stato presentato alla Mostra del cinema di Venezia vincendo il Premio del pubblico Kino e il Leone del Futuro – Premio Venezia opera prima Luigi De Laurentiis. Per Là-bas ha ricevuto il premio Golden Graal Astro Nascente Cinema. Ha poi nuovamente lavorato con Lombardi in Take Five, sul grande schermo l’abbiamo vista anche in Last minute Marocco, accanto a Valerio Mastandrea e Nicolas Vaporidis, Les Gardiens de l’ordre, per la regia di Nicolas Boukhrief, Il prossimo tuo, diretto da Anne Riitta Ciccone. In tv è apparsa in Boris e in Il commissario De Luca. È ora tra i protagonisti della serie televisiva Tutto può succedere. I suoi più recenti progetti cinematografici sono: Nottetempo di Francesco Prisco e Neve, di Stefano Incerti, di cui è stata protagonista femminile.

DAVIDE MARENGO

Regista di film, serie tv, documentari, videoclip e pubblicità. Nel 2005 realizza per il cinema Craj, un documentario sulla musica popolare pugliese e sui suoi protagonisti.  Il suo esordio nel cinema di finzione è Notturno bus, uscito in sala nel 2007. Nel 2009 gira due film tv della serie Crimini (Rai Due): Little dream, tratto da un racconto di Massimo Carlotto, premiato al Festival della Fiction di Roma 2010, e Neve sporca, tratto da un racconto di Giancarlo De Cataldo. Nel gennaio 2009 su Rai Uno va in onda,Il commissario Manara. Ha diretto nel 2010 Boris 3, la serie di culto in onda su Fox Tv e Rai 3. Nel 2011 gira il film per il cinema Breve storia di lunghi tradimenti, tratto dall’omonimo romanzo di Tullio Avoledo, un movimentato thriller girato tra Roma, Torino, Londra, Bolivia e Colombia e prodotto da Emme e Rai Cinema.  Nel 2013 dirige per il cinema “Un fidanzato per mia moglie”. una commedia romantica interpretata da Paolo Kessisoglu, Luca Bizzarri, Geppi Cucciari, Dino Abbrescia, Ale e Franz. E’ attualmente impegnato nella post produzione della serie tv “Sirene”, che racconta la storia di una famiglia di Sirene in cerca di un tritone scappato dal mondo marino e rifugiatosi a Napoli.  Negli anni realizza diversi videoclip musicali per artisti come Carmen Consoli, Daniele Silvestri, i Negramaro, e pubblicità per Breil, Telecom, Mastercard.

LEANDRO PICARELLA

Nasce ad Agrigento nel 1984. Studia tra Palermo e Firenze, specializzandosi in cinema e letteratura teatrale italiana. Tra il 2010 e il 2012 realizza i suoi primi cortometraggi: Cattedrale, Gyruss – a ciascuno il proprio Bach, Desnudez, La salita, Scolpire il tempo (66° Festival di Locarno). Dio delle zecche: storia di Danilo Dolci in Sicilia (2014) è il suo primo documentario. Triokala (2015) è il suo primo lungometraggio. Vincitore di diversi premi in Italia, ha ricevuto la menzione speciale della giuria Regard Néuf a Visions du Réel 2016, Festival Internazionale del Cinema di Nyon. Dal 2014 cura Riflessi di Tempo, rassegna d’arte cinematografica che si svolge in estate all’interno del Parco Archeologico della Valle dei Templi di Agrigento.

By agostino

Tagged With